Condividi
Scrivimi
Naviga
Home / La paralisi cerebrale

"Paralisi cerebrale" è un termine generico usato per descrivere un insieme di disturbi che compaiono durante i primi anni di vita e che condizionano la capacità del bambino di coordinare i movimenti del corpo. Questi disturbi sono provocati da un danno cerebrale irreversibile ma non progressivo che avviene durante lo sviluppo fetale, il parto o primi mesi di vita. La paralisi cerebrale ha diversi stadi di gravità che vanno da lieve a grave, e i segni fisici comprendono la debolezza e la flaccidità dei muscoli o al contrario la spasticità e la rigidità. In alcuni casi possono prodursi anche disturbi neurologici quali ad esempio il ritardo mentale. La paralisi cerebrale non è curabile, ma trovare la terapia giusta può fare davvero una grande differenza. Oggi i bambini con questa malattia hanno a disposizione molti trattamenti diversi e innovativi.

Ci sono tre tipi fondamentali di paralisi cerebrale: la paralisi cerebrale spastica, presente nella maggior parte dei bambini con paralisi cerebrale. In questa forma la malattia provoca l'irrigidimento dei muscoli, che rende difficile i movimenti; può riguardare entrambe le gambe (displegia spastica) o un solo lato del corpo (emiplegia spastica). Nei casi più gravi sono coinvolti tutti gli arti e il tronco (quadriplegia spastica); la paralisi cerebrale atetosica o discinetica è una forma che riguarda 1 bambino su 5 con paralisi cerebrale e coinvolge tutto il corpo provocando spesso movimenti lenti e incontrollati; la paralisi cerebrale atassica, è la forma meno comune dei tre tipi principali di paralisi cerebrale, interessa l'equilibrio e la coordinazione. Alcuni bambini presentano segni e sintomi di più di un tipo di paralisi cerebrale, si parla allora di "forma mista".

Segni e sintomi
In linea di massima, i bambini con la paralisi cerebrale presentano un'ampia gamma di segni e sintomi che vanno da lievi a gravi. Come detto, poiché la malattia non è progressiva, i sintomi non peggiorano con l'età, e possono comprendere: assenza di coordinamento muscolare durante l'esecuzione di un movimento volontario (atassia), rigidità muscolare e riflessi esagerati (spasticità), passo asimmetrico, con trascinamento di un piede o di una gamba, variazioni nel tono muscolare da troppo rigido a troppo flaccido, difficoltà a inghiottire o parlare, tremori, difficoltà nel compiere movimenti precisi quali abbottonare una camicia o scrivere. Alcuni bambini con paralisi cerebrale hanno un grave ritardo mentale, mentre altri sono invece molto brillanti; alcuni hanno bisogno della sedia a rotelle e di essere continuamente assistiti, al contrario altri richiedono pochissima o nessuna assistenza.

Le cause
Tra le possibili cause della paralisi cerebrale congenita troviamo un'infezione materna durante la gravidanza, per esempio la rosolia o altre infezioni virali, un grave ittero del neonato eventualmente provocato da un'infezione, problemi immunologici dovuti a incompatibilità ABO o Rh tra madre e feto, sviluppo cerebrale anormale prima del parto per ragioni genetiche o metaboliche e infine un disturbo circolatorio precedente la nascita causato da uno spasmo arterioso o da un coagulo, simile all'ictus nell'adulto.

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 03/04/2017
© 2017 chirurgodelpiede.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 03/04/2017 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente
Home / La paralisi cerebrale

"Paralisi cerebrale" è un termine generico usato per descrivere un insieme di disturbi che compaiono durante i primi anni di vita e che condizionano la capacità del bambino di coordinare i movimenti del corpo. Questi disturbi sono provocati da un danno cerebrale irreversibile ma non progressivo che avviene durante lo sviluppo fetale, il parto o primi mesi di vita. La paralisi cerebrale ha diversi stadi di gravità che vanno da lieve a grave, e i segni fisici comprendono la debolezza e la flaccidità dei muscoli o al contrario la spasticità e la rigidità. In alcuni casi possono prodursi anche disturbi neurologici quali ad esempio il ritardo mentale. La paralisi cerebrale non è curabile, ma trovare la terapia giusta può fare davvero una grande differenza. Oggi i bambini con questa malattia hanno a disposizione molti trattamenti diversi e innovativi.

Ci sono tre tipi fondamentali di paralisi cerebrale: la paralisi cerebrale spastica, presente nella maggior parte dei bambini con paralisi cerebrale. In questa forma la malattia provoca l'irrigidimento dei muscoli, che rende difficile i movimenti; può riguardare entrambe le gambe (displegia spastica) o un solo lato del corpo (emiplegia spastica). Nei casi più gravi sono coinvolti tutti gli arti e il tronco (quadriplegia spastica); la paralisi cerebrale atetosica o discinetica è una forma che riguarda 1 bambino su 5 con paralisi cerebrale e coinvolge tutto il corpo provocando spesso movimenti lenti e incontrollati; la paralisi cerebrale atassica, è la forma meno comune dei tre tipi principali di paralisi cerebrale, interessa l'equilibrio e la coordinazione. Alcuni bambini presentano segni e sintomi di più di un tipo di paralisi cerebrale, si parla allora di "forma mista".

Segni e sintomi
In linea di massima, i bambini con la paralisi cerebrale presentano un'ampia gamma di segni e sintomi che vanno da lievi a gravi. Come detto, poiché la malattia non è progressiva, i sintomi non peggiorano con l'età, e possono comprendere: assenza di coordinamento muscolare durante l'esecuzione di un movimento volontario (atassia), rigidità muscolare e riflessi esagerati (spasticità), passo asimmetrico, con trascinamento di un piede o di una gamba, variazioni nel tono muscolare da troppo rigido a troppo flaccido, difficoltà a inghiottire o parlare, tremori, difficoltà nel compiere movimenti precisi quali abbottonare una camicia o scrivere. Alcuni bambini con paralisi cerebrale hanno un grave ritardo mentale, mentre altri sono invece molto brillanti; alcuni hanno bisogno della sedia a rotelle e di essere continuamente assistiti, al contrario altri richiedono pochissima o nessuna assistenza.

Le cause
Tra le possibili cause della paralisi cerebrale congenita troviamo un'infezione materna durante la gravidanza, per esempio la rosolia o altre infezioni virali, un grave ittero del neonato eventualmente provocato da un'infezione, problemi immunologici dovuti a incompatibilità ABO o Rh tra madre e feto, sviluppo cerebrale anormale prima del parto per ragioni genetiche o metaboliche e infine un disturbo circolatorio precedente la nascita causato da uno spasmo arterioso o da un coagulo, simile all'ictus nell'adulto.

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 03/04/2017
© 2017 chirurgodelpiede.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 03/04/2017 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente