Condividi
Scrivimi
Naviga
Home / Le paralisi del bambino

La paralisi cerebrale infantile
La paralisi cerebrale infantile è una condizione eterogenea dovuta a una lesione cerebrale che avviene prima della nascita oppure durante o dopo la nascita.

Le cause
Le cause sono emboliche, emorragiche, ipossiche, dovute a malformazioni e infezioni, genetiche ed ereditarie. L'incidenza è di 2-3 casi ogni 1000 nati vivi. La classificazione anatomica della paralisi cerebrale infantile è la seguente: diplegia (entrambi gli arti inferiori) 50%, emiplegia (metà corpo) 30%, quadriplegia (interessamento generalizzato del corpo) 20%. La classificazione fisiologica è a evoluzione spastica (80% dei casi), il restante 20% riguarda forme miste (ipotonica, atassica).

Priorità del trattamento
Al trattamento della paralisi cerebrale infantile partecipano numerosi specialisti: ortopedici, fisioterapisti, neurologi, pediatri. Il ruolo dell'ortopedico è consentire l'ottimale allineamento dell'apparato muscolo-scheletrico prevenendo o correggendo deformità e spasticità limitando al massimo l'insorgenza di deformità e di dolore e favorendo il più possibile la deambulazione, quando possibile, e la posizione statica.

Nella paralisi cerebrale infantile e in altre malattie neurologiche pediatriche vi è un alto coinvolgimento dell'arto inferiore. Attraverso varie tecniche chirurgiche è possibile ripristinare l'appoggio plantigrado, e quando possibile, la funzionalità dell'arto inferiore e in particolar modo del piede anche per prevenire deformità successive.

Le tecniche chirurgiche consistono in interventi su tessuti molli: trasposizioni tendinee, tenotomia, allungamenti tendinei; e sull'osso e le articolazioni. Data la complessità dell'argomento è indispensabile valutare ogni singolo caso in funzione delle esigenze del bambino e della sua famiglia, e del grado di coinvolgimento neurologico.

La tossina botulinica nelle paralisi cerebrali infantili
Le paralisi cerebrali infantili molto spesso esitano con una grave spasticità agli arti superiori e inferiori. Negli ultimi anni l'uso della tossina botulinica per la riduzione della spasticità si è molto diffuso data la sua relativa semplicità di applicazione e la sua poca invasività, dato che è possibile eseguirla ambulatoriamente.

Meccanismo d'azione
La tossina botulinica blocca le fibre muscolari contratte permettendo la loro decontrazione. Solitamente i siti di inoculazione più frequenti sono i muscoli gemelli (polpacci) e i flessori delle ginocchia. L'inoculazione della tossina permette quindi una distensione dei muscoli spastici nei bambini affetti da paralisi cerebrale per permettere una deambulazione migliore o una miglior posizione statica. La tossina botulinica ai dosaggi terapeutici per bambini risulta completamente innocua, il suo effetto dura mediamente sei mesi e di solito l'inoculazione viene da me ripetuta al massimo per tre volte a causa di una resistenza dell'organismo che si instaura nel tempo (anticorpi).

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 03/04/2017
© 2017 chirurgodelpiede.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 03/04/2017 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente
Home / Le paralisi del bambino

La paralisi cerebrale infantile
La paralisi cerebrale infantile è una condizione eterogenea dovuta a una lesione cerebrale che avviene prima della nascita oppure durante o dopo la nascita.

Le cause
Le cause sono emboliche, emorragiche, ipossiche, dovute a malformazioni e infezioni, genetiche ed ereditarie. L'incidenza è di 2-3 casi ogni 1000 nati vivi. La classificazione anatomica della paralisi cerebrale infantile è la seguente: diplegia (entrambi gli arti inferiori) 50%, emiplegia (metà corpo) 30%, quadriplegia (interessamento generalizzato del corpo) 20%. La classificazione fisiologica è a evoluzione spastica (80% dei casi), il restante 20% riguarda forme miste (ipotonica, atassica).

Priorità del trattamento
Al trattamento della paralisi cerebrale infantile partecipano numerosi specialisti: ortopedici, fisioterapisti, neurologi, pediatri. Il ruolo dell'ortopedico è consentire l'ottimale allineamento dell'apparato muscolo-scheletrico prevenendo o correggendo deformità e spasticità limitando al massimo l'insorgenza di deformità e di dolore e favorendo il più possibile la deambulazione, quando possibile, e la posizione statica.

Nella paralisi cerebrale infantile e in altre malattie neurologiche pediatriche vi è un alto coinvolgimento dell'arto inferiore. Attraverso varie tecniche chirurgiche è possibile ripristinare l'appoggio plantigrado, e quando possibile, la funzionalità dell'arto inferiore e in particolar modo del piede anche per prevenire deformità successive.

Le tecniche chirurgiche consistono in interventi su tessuti molli: trasposizioni tendinee, tenotomia, allungamenti tendinei; e sull'osso e le articolazioni. Data la complessità dell'argomento è indispensabile valutare ogni singolo caso in funzione delle esigenze del bambino e della sua famiglia, e del grado di coinvolgimento neurologico.

La tossina botulinica nelle paralisi cerebrali infantili
Le paralisi cerebrali infantili molto spesso esitano con una grave spasticità agli arti superiori e inferiori. Negli ultimi anni l'uso della tossina botulinica per la riduzione della spasticità si è molto diffuso data la sua relativa semplicità di applicazione e la sua poca invasività, dato che è possibile eseguirla ambulatoriamente.

Meccanismo d'azione
La tossina botulinica blocca le fibre muscolari contratte permettendo la loro decontrazione. Solitamente i siti di inoculazione più frequenti sono i muscoli gemelli (polpacci) e i flessori delle ginocchia. L'inoculazione della tossina permette quindi una distensione dei muscoli spastici nei bambini affetti da paralisi cerebrale per permettere una deambulazione migliore o una miglior posizione statica. La tossina botulinica ai dosaggi terapeutici per bambini risulta completamente innocua, il suo effetto dura mediamente sei mesi e di solito l'inoculazione viene da me ripetuta al massimo per tre volte a causa di una resistenza dell'organismo che si instaura nel tempo (anticorpi).

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 03/04/2017
© 2017 chirurgodelpiede.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 03/04/2017 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente