Condividi
Scrivimi
Naviga
Home / Trasposizione del tendine tibiale anteriore nelle paralisi

Nelle paralisi del piede di origine centrale o periferica in cui si manifesta un piede gravemente addotto(cioè con la punta girata verso l'interno)e con impossibilità a ruotarlo all'esterno, è possibile eseguire la trasposizione totale o parziale del tendine tibiale anteriore dal lato mediale del dorso del piede a quello laterale in maniera di modificare la funzione del tendine tibiale anteriore da adducente a abducente.

L'intervento si esegue mediante tre piccole incisioni,due sul piede e una sulla caviglia per spostare l'inserzione del tendine stesso e limutare cosi i danni della paralisi. Dopo l'intervento si applica una doccia in vetroresina per 21 giorni e successivamente un tutore semirigido per la riabilitazione. L'ospedalizzazione è di 2-3 giorni.

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 03/04/2017
© 2017 chirurgodelpiede.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 03/04/2017 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente
Home / Trasposizione del tendine tibiale anteriore nelle paralisi

Nelle paralisi del piede di origine centrale o periferica in cui si manifesta un piede gravemente addotto(cioè con la punta girata verso l'interno)e con impossibilità a ruotarlo all'esterno, è possibile eseguire la trasposizione totale o parziale del tendine tibiale anteriore dal lato mediale del dorso del piede a quello laterale in maniera di modificare la funzione del tendine tibiale anteriore da adducente a abducente.

L'intervento si esegue mediante tre piccole incisioni,due sul piede e una sulla caviglia per spostare l'inserzione del tendine stesso e limutare cosi i danni della paralisi. Dopo l'intervento si applica una doccia in vetroresina per 21 giorni e successivamente un tutore semirigido per la riabilitazione. L'ospedalizzazione è di 2-3 giorni.

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 03/04/2017
© 2017 chirurgodelpiede.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 03/04/2017 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente