Condividi
Scrivimi
Naviga
Home / La proloterapia

Efficace nel trattamento:

  • del dolore dei tessuti molli
  • nell'instabilità articolare
  • nelle tendinopatie e tendinite
  • nelle lombalgie e disturbi del rachide
  • nelle periartrite articolari
  • nelle epicondiliti
  • nelle fasciti plantari
  • nell'artrosi
  • nelle lesioni post-traumatiche sportive

La "proloterapia" è una terapia infiltrativa osteoarticolare che mira a rinforzare le strutture capsulo legamentose e tendinee rese instabili e deboli da diverse cause. Questa instabilità è causa di dolore cronico con conseguente riduzione della funzionalità muscolare.

Il dolore cronico è proprio la spia di un'infiammazione di bassa entità, ma continua. In questa situazione i legamenti e i tendini lesionati si presentano di colore biancastro e non roseo, come di norma, a causa dell'insufficiente irrorazione ematica con conseguente riduzione dell'attivazione del sistema immunitario.

La proloterapia, inducendo una flogosi con l'attivazione di una forte risposta immunitaria stimola la riparazione dei tessuti lesi, ed è così in grado di ripristinare la fisiologica stabilità muscolo-scheletrica,agisce rigenerando le strutture danneggiate con una "autoriparazione" cioè utilizzando meccanismi endogeni di guarigione.

A cosa serve?
Serve a risolvere il dolore cronico osteoarticolare senza uso di farmaci e anti-infiammatori.

Di che cosa si tratta?
Si tratta di piccole infiltrazioni in sedi anatomiche mirate con una soluzione a base di glucosio e lidocaina a concentrazioni differenti a seconda del tipo di patologia da trattare.

Quante sedute?
Mediamente sono necessarie 4-5 sedute.

Trattamento sicuro?
Considerando i casi trattati negli Stati Uniti negli ultimi 60 anni, si può definire come terapia innocua e sicura.

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 03/04/2017
© 2017 chirurgodelpiede.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 03/04/2017 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente
Home / La proloterapia

Efficace nel trattamento:

  • del dolore dei tessuti molli
  • nell'instabilità articolare
  • nelle tendinopatie e tendinite
  • nelle lombalgie e disturbi del rachide
  • nelle periartrite articolari
  • nelle epicondiliti
  • nelle fasciti plantari
  • nell'artrosi
  • nelle lesioni post-traumatiche sportive

La "proloterapia" è una terapia infiltrativa osteoarticolare che mira a rinforzare le strutture capsulo legamentose e tendinee rese instabili e deboli da diverse cause. Questa instabilità è causa di dolore cronico con conseguente riduzione della funzionalità muscolare.

Il dolore cronico è proprio la spia di un'infiammazione di bassa entità, ma continua. In questa situazione i legamenti e i tendini lesionati si presentano di colore biancastro e non roseo, come di norma, a causa dell'insufficiente irrorazione ematica con conseguente riduzione dell'attivazione del sistema immunitario.

La proloterapia, inducendo una flogosi con l'attivazione di una forte risposta immunitaria stimola la riparazione dei tessuti lesi, ed è così in grado di ripristinare la fisiologica stabilità muscolo-scheletrica,agisce rigenerando le strutture danneggiate con una "autoriparazione" cioè utilizzando meccanismi endogeni di guarigione.

A cosa serve?
Serve a risolvere il dolore cronico osteoarticolare senza uso di farmaci e anti-infiammatori.

Di che cosa si tratta?
Si tratta di piccole infiltrazioni in sedi anatomiche mirate con una soluzione a base di glucosio e lidocaina a concentrazioni differenti a seconda del tipo di patologia da trattare.

Quante sedute?
Mediamente sono necessarie 4-5 sedute.

Trattamento sicuro?
Considerando i casi trattati negli Stati Uniti negli ultimi 60 anni, si può definire come terapia innocua e sicura.

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 03/04/2017
© 2017 chirurgodelpiede.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 03/04/2017 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente